Il Gioco di Ruolo dal Vivo

Con “gioco” intendiamo un’attività ricreativa con regole precise; con “ruolo” intendiamo l’interpretazione o rappresentazione di uno o più personaggi, con “dal vivo” intendiamo veramente, effettivamente nella realtà. Ogni partecipante ad un GRV (Gioco di Ruolo dal Vivo) o GDR (Gioco di Ruolo) live crea un proprio personaggio secondo le regole, dandogli un nome, alcune caratteristiche, vestendosi ed agendo in modo consono sia al tipo di personaggio creato sia all’ambientazione. Questo include generalmente la costruzione/ricostruzione di costumi, equipaggiamenti ed ambienti in tema. Il gioco di ruolo può essere quindi considerato come una recita, dove ogni giocatore interpreta un personaggio a propria scelta, il quale possiede determinate caratteristiche fisiche e psicologiche che il regolamento cerca, quasi sempre, di riportare come vantaggio o svantaggio in termini di gioco.

CHE DIFFERENZA C’È TRA GIOCO DI RUOLO DA TAVOLO E DAL VIVO?

Il gioco di ruolo da tavolo, come dice il nome stesso, viene giocato appunto ad un tavolo e si svolge sostanzialmente raccontando le azioni dei personaggi, usando i dadi per determinare degli eventi e così via. Nel gioco di ruolo dal vivo i giocatori impersonano veramente i personaggi, vestendosi in costume e interagendo fisicamente tra loro con parole e fatti. Non si usano dadi, carte o morra cinese in un vero gioco di ruolo dal vivo. Inoltre, se è vero che il GRV (Gioco di Ruolo dal Vivo) è più “faticoso” rispetto al GDR (Gioco di Ruolo) da tavolo, è altrettanto vero che il GRV non soltanto conserva tutte le caratteristiche di creatività del gioco da tavolo, ma è completato da un’ampia gamma di ulteriori attività ed esperienze attive, creative, interattive e conoscitive che sono parte integrante del gioco.

QUALI SONO I RUOLI IN UN GDR LIVE?

Il gioco è gestito e composto da tre tipi di figure che interagiscono tra loro e permettono ai presenti di immedesimarsi in maniera realistica nelle situazioni che stanno vivendo. Primi fra tutti e più importanti sono i PG (Personaggi Giocanti) ossia il personaggio interpretato dei giocatori presenti al live. Questi hanno il ruolo principale,  una parte viva nella  rappresentazione e nella trama di gioco. Gli altri elementi chiave nella raffigurazione del GRV sono PNG (Personaggi Non Giocanti), personaggi portati da altri membri dello Staff, i quali possono essere elementi collegati alla trama del live o figure persistenti del Mondo di Tenebra. Gli ultimi, esterni ad ogni dinamica della rappresentazione, sono i Master,  sono i veri e propri arbitri che controllano il lieto e corretto scorrimento del gioco. Questi si distinguono per la casacca Rossa che indossano raffigurante il nostro simbolo. Vengono utilizzati dai giocatori anche per conoscere informazioni aggiuntive alla trama o che possono recuperare grazie ai loro contatti. Inoltre saranno molto utili per conoscere gli effetti di alcuni poteri.

GIOCARE È MOLTO COSTOSO?

In generale giocare non è molto costoso, ma questo è relativo a ciò che effettivamente viene dato ai giocatori, in termini principalmente di qualità, servizi, organizzazione, strutture e così via… Nel nostro caso offriamo servizi di primissima qualità con un prezzo ragionevole di 15 euro l’anno per l’iscrizione alla nostra Associazione (utilizzati unicamente per ripagare delle spese di allestimento, affitto dei locali, ecc) che vi garantirà il nostro regolamento, tutti  nostri servizi ed una tessera sconti per numerosi esercizi. Ogni nostro evento, inoltre, avrà il costo simbolico di 10 euro, per l’affitto della location e per il materiale messo a disposizione dallo Staff. Ricordiamo che il Gruppo Cronache d’Ombra  non è un associazione a scopo di lucro ed è volta unicamente alla creazione e alla promozione di eventi collegati al nostro gioco di ruolo. Per quanto riguarda la costumistica e l’equipaggiamento dei personaggi alcuni tipi di armi comprate in negozio o dagli artigiani del settore possono essere relativamente costose (attualmente nell’ordine di 50-100 euro), ma non è obbligatorio utilizzarle, perciò un giocatore può costruire le proprie armi con materiali poco dispendiosi, ovviamente nei limiti della decenza e del buon gusto. Questo vale anche per altri equipaggiamenti (costumi, accessori). Per cominciare (e per continuare), comunque, non è necessario spendere grosse somme. La maggior parte dei giocatori continua ad utilizzare per anni lo stesso equipaggiamento e non di rado in tutto o in parte, si tratta di materiali recuperati dal proprio armadio o creati con le proprie mani.

CI VUOLE MOLTO TEMPO PER IMPARARE A GIOCARE?

Dipende dal regolamento di gioco utilizzato. Attualmente la maggior parte delle associazioni consolidate in Italia utilizza regolamenti molto semplici e versatili che possono essere letti in mezz’ora. Il nostro tipo di regolamento permette di “saper giocare” in un’ ora di lettura.

POSSO PORTARE ARMI VERE, COME SPADE, COLTELLI, ECC.?

Assolutamente no! Non si tratta di una rievocazione storica e le armi devono essere in materiali plastici, gommosi e innocui, realizzate specificamente per il GRV. L’organizzazione deve essere avvisata della presenza di armi vere che possono avere esclusivamente valore estetico e non possono essere utilizzate in alcun modo durante il gioco.

LE ARMI DI GIOCO SONO PERICOLOSE?

Le armi utilizzate vengono costruite con materiali soffici e gommosi. L’anima in plastica o vetroresina è rivestita con gommapiuma, gomma o lattice. Sono proibiti legno, metallo e materiali vetrosi (per esempio fibra di carbonio). Inoltre tutte le armi devono passare un controllo all’accettazione che ne attesti il buono stato e la rispondenza ai criteri stabiliti.

IL COMBATTIMENTO È PERICOLOSO?

Il combattimento segue delle regole precise. I giocatori non devono in alcun modo colpire gli altri se non con armi che ne permettono un contatto sicuro e non pericoloso. Il combattimento ha in primo luogo a che vedere con il “buon gioco di ruolo”.